ROBERTO - Tastiere, chitarra e cori

 

Da sempre circondato in casa dalla musica del pianoforte suonato da mamma e fratello maggiore, Roberto inizia da adolescente il proprio percorso, frequentando per diversi anni il CDM di Pavia, dove studia pianoforte con Alberto Siracusa, vero e proprio mentore.

L’impostazione predilige da subito musica moderna,  ascolto ad orecchio, improvvisazione, armonia e progressioni di accordi, senza dimenticare comunque le basi di teoria musicale.

La grande passione per il brit pop degli anni ’90 ed in particolare per Noel Gallagher degli Oasis avvicina Roberto alla chitarra, dapprima ritmica e successivamente elettrica solista, studiando sempre al CDM di Pavia.

Frequentando scuola e università, Roberto trova naturale espressione in band più o meno improvvisate e stabili (Gigler, FSP, Fuorimano) ed esibendosi nei primi live e concorsi locali nella provincia di Pavia e Milano. Le cover di vari generi e anni italiani e stranieri accompagnano sempre la stesura di inediti a più mani con amici musicisti.

Amicizie comuni portano poi Roberto in contatto con Marco Germani ed il mondo di After Life Music Dimension di Vigevano. “Fatali” sono un capodanno musicale in montagna ed una jam infinita nella primavera del 2012, quando Roberto conosce e suona sul palco insieme a Tiziano e Laura che dopo poche settimane gli propongono di entrare a far parte del gruppo.

Il momento è particolarmente critico in quanto sono in corso le registrazioni in studio dell’EP d’esordio della band dal titolo "MMXII" ma Roberto riesce a conciliare le trasferte di lavoro all’estero (una costante nella quotidianità e nella programmazione della band) con il nuovo impegno musicale e nell’estate del 2012 i Malantiguo assumono ufficialmente la formazione attuale suonando e promuovendo l’EP appena pubblicato.

Gli anni successivi vedono un’intensa attività live della band e sfrutta  la dualità di Roberto tra tastiere e chitarre proponendo uno spettacolo completo sia elettrico sia acustico.